“Dov’è Dio in questo evento?” I cattolici pregano per la pace in Ucraina

da | Mar 10, 2022 | Blog, Notizie e aggiornamenti | 0 commenti

Natalia Subbotina stava fuggendo dall’Ucraina alla volta della Polonia quando una delle sue amiche ha posto la domanda che milioni di persone si saranno probabilmente poste nelle ultime due settimane: “Dov’è Dio in questo evento?”

L’invasione russa dell’Ucraina ha già ucciso migliaia di persone e creato più di due milioni di rifugiati. Mercoledì, le autorità ucraine hanno riferito che un attacco aereo russo ha colpito un ospedale per la maternità. Tale sofferenza difficilmente sembra opera di un Dio pacifico e giusto.

Ma l’amica di Natalia ha fornito una risposta che le ha dato speranza. “Dio è presente in coloro che soffrono. È presente in coloro che muoiono innocentemente”, ha ricordato la sua amica.

Natalia ha continuato: “Questo è qualcosa che porta speranza, sai?”

L’Animatrice Laudato Si’  e coordinatrice di un Circolo Laudato Si’ a Lviv, Ucraina, ha condiviso la sua commovente storia mercoledì durante l’evento dal vivo    “Diamo un’opportunità alla pace” , che è stato ospitato dal Movimento Laudato Si’, in collaborazione con Pax Christi International e l’Ufficio Giustizia, Pace e Integrità del Creato dei Francescani .

Guida la tua comunità come Natalia e migliaia di altri e diventa un Animatore Laudato Si’ oggi stesso!

GUARDA: I cattolici si uniscono per la pace nell’incredibile evento “Give Peace a Chance”.

L’evento di 80 minuti ha unito i cattolici di tutto il mondo a pregare per la pace e ad ascoltare il grido dei poveri e il grido della Terra mentre si relazionano alla guerra in Ucraina. Alle centinaia di spettatori e partecipanti online è stata anche ricordata l’urgente necessità di una giusta transizione lontano dai combustibili fossili, che sono stati a lungo collegati a guerre e conflitti. I combustibili fossili russi stanno contribuendo a finanziare la guerra in Ucraina.

“Dovremmo smettere di usare i combustibili fossili una volta e per sempre”, ha affermato Svitlana Romanko, Ucraina e responsabile della campagna Zero Combustibili Fossili  per il Movimento Laudato Si’.

Per saperne di più: Dichiarazione sui combustibili fossili e la guerra in Ucraina 

I relatori, tra cui francescani in Polonia e in Italia, così come funzionari di Pax Christi e membri del Movimento Laudato Si’ negli Stati Uniti e in Sud Africa, hanno anche suggerito modi reali in cui le persone di fede possono unirsi con i loro fratelli e sorelle ucraini, ad esempio disinvestendo da combustibili fossili e pregando per la pace.

“Pregare… siamo in grado di farlo quando vogliamo e ovunque siamo”, ha detto  fratello Sergiusz Bałdyga, OFM, da Katowice, in Polonia.

Grazie a “Fratello internet e Fratello WhatsApp”

Ha condiviso una storia stimolante su come lui e altri fratelli francescani in Polonia hanno accompagnato 20 studenti ucraini e li hanno aiutati a tornare alla loro terra natale di Israele. I frati francescani hanno accolto gli studenti nelle loro case e li hanno nutriti.

«Fu una lezione pratica di servizio agli altri fratelli, secondo l’insegnamento di Gesù. Era la vita reale, secondo [il] Vangelo”, afferma fratello Sergiusz.

Ha ringraziato la tecnologia, che ha aiutato in modo significativo il loro lavoro. “Sono anche grato [a] Fratello Internet e Fratello WhatsApp perché in quel caso, con la distanza, le lingue diverse, i paesi diversi, le nazionalità diverse, siamo stati in grado di comunicare perché siamo tutti connessi”, sostiene.

Svitlana ha descritto come il popolo ucraino ha sofferto per l’invasione russa ma ha ancora speranza in una soluzione pacifica.

Per saperne di più: Dichiarazione sui combustibili fossili e la guerra in Ucraina 

“La guerra ha conseguenze gravi, molto gravi, e conseguenze e risultati terribili. Ma la nostra nazione ucraina è così coraggiosa, e c’è molta solidarietà a livello mondiale, di cui siamo profondamente grati. Quindi crediamo veramente che supereremo questa guerra, e questa guerra sarà l’ultima guerra su questo pianeta”, ha affermato.

Natalia, l’animatrice Laudato Si’ ucraina, ha detto di essersi sentita scioccata per la prima volta dall’invasione russa. Ma quei sentimenti hanno lasciato il posto alla solidarietà che sente dall’Europa e dal mondo.

“È tempo di agire, di guidare questo Vangelo e fare tutto il possibile per aiutare le persone intorno a noi”, ha affermato Natalia, dottoranda in giurisprudenza presso la Libera Università ucraina di Monaco, in Germania. “Mentre viviamo questo tempo quaresimale, speriamo che dopo la sofferenza ci sarà la risurrezione, ci sarà la gloria, quindi la verità vincerà”.

Da Assisi, Italia, città della pace, Fr. Daniel Mary Quackenbush, OFMConv., ha letto una significativa riflessione sulla conversione e su come la guerra abbia condotto le persone a Dio nel corso della storia.

Le persone che soffrono possono essere “più consapevoli della presenza [di Dio], più consapevoli di quanto sia fragile la vita umana senza l’amore e la benedizione [di Dio]”, afferma fratello Quackenbush. “Noi frati facciamo una promessa di accorata preghiera per tutti voi, che siete vittime della guerra. Possa il Principe della Pace darti la sua pace – la pace che questo mondo non può toglierti – oggi, in questo preciso momento”.

Per concludere, Judy Coode, coordinatrice del progetto della Catholic Nonviolence Initiative con Pax Christi International, ha sfidato tutti a studiare gli insegnamenti non violenti della Chiesa e a lavorare per la pace nella propria vita quotidiana.

“La violenza crea traumi”, ha detto. “Come possiamo spezzare le dinamiche della violenza e costruire una pace più sostenibile piuttosto che giustificare la violenza?”

GUARDA: I cattolici si uniscono per la pace nell’incredibile evento “Give Peace a Chance”.

Jonathon Braden
Jonathon Braden

Scrittore
Nebraska, Stati Uniti d’America
Jonathon Braden ha più di 10 anni di esperienza in scrittura e comunicazione. Vuole raccontare la storia del GCCM.

5 1 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments